IGF 1

Molti di voi lo conosceranno… mentre per molti altri (la maggior parte), sarà del tutto sconosciuto questo termine “Igf 1

Beh, oggi, parleremo di un ormone che in sala pesi, ahimè non viene purtroppo così tanto discusso.

L’igf-1… in tale articolo, verrà citato anche l’igf-2.

Via! Si inizia!

IGF 1 cos’è?

L’igf 1 fa parte dei fattori insulino simili, ed è un ormone fondamentale all’interno del nostro corpo, ed anche nella crescita muscolare, di cui ne parleremo successivamente in questo articolo. Esso è chiamato anche “somatomedina C”  e fa parte a quella classe di ormoni peptidici (sostanze costituite da catene amminoacidiche) prodotto dal fegato e dai condroblasti (cellule deputate alla costruzione del tessuto cartilagineo). Non esiste solo lui, ma bensì possiamo trovare una seconda forma.

Questa seconda forma è chiamata: IGF-2  o somatomedina A.

igf 1

Presa da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK343487/

IGF 1 ed insulina

La somatomedina C, sembra essere un ormone peptidico estremamente simile all’insulina e sembra agire su recettori simili a quelli dell’insulina.

La produzione di somatomedina

Come già anticipato, esso viene prodotto nel fegato in seguito allo stimolo dell’ormone della crescita, od ormone somatotropo (GH), esso si muove nel torrente circolatorio, mediante dei trasportatori specifici, o come ormoni liberi (Mcardle,2009)

Funzioni della somatomedina C

Partiamo dal fatto che l’igf 1 risulta essere un mediatore dell’ormone del GH, questo cosa vuol dire? Che esercita sui tessuti le funzioni del GH, ma non solo perché è comprovato che accade viceversa. Ciò avviene prevalentemente in tali tessuti:

  • Ossa
  • Cartilagini
  • Muscolo Scheletrico
  • Pelle
  • Cervello
  • Midollo Osseo

Per ciò che riguardano le sue funzioni, esso è appunto un importantissimo fattore di crescita! Cosa intendo? Vediamolo subito!

  • Livello Osseo: Stimola la produzione di collagene,esso è la principale proteina costituente del tessuto connettivo nell’essere umano, ma non solo come tessuto connettivo appunto si intende: Tessuto cartilagineo, osseo, adiposo… Quindi possiamo capire quanto esso sia importante nella salute articolare ed ossea… Ma limitarci ad esso sarebbe scorretto. Inoltre, vi è un aumento del condoritin solfato (A.Paoli,M.Neri, 2013)
  • Stimola la proteosintesi (sintesi di nuovi tessuti proteici)
  • Aumento Sintesi di DNA
  • Aumento sintesi RNA
  • Ha una funzione protettiva verso i motoneuroni (neuroni collocati nel sistema nervoso centrale che trasporta il segnale verso l’esterno del sistema nervoso centrale… Es: contrazione muscolare)
  • Svuole un ruolo importante a livello cerebrale
igf 1

Immagine presa da: http://www.scienze-naturali.com/wp-content/uploads/2017/09/dna-e-rna-300×239.png

IGF-1 e GH ed invecchiamento cerebrovascolare e cerebrale

È risaputo che durante l’invecchiamento, l’ormone della crescita, cioè il GH, ha un forte calo, oltre a ciò possiamo trovare anche altri ormoni che hanno un brusco calo, come gli estrogeni, il testosterone e potrei continuare per ore! Ma la missione di questo “testo” è quella di approfondire l’argomento IGF 1.

Questa diminuzione dei livelli plasmatici di GH è dovuto principalmente al fatto che con l’invecchiamento la secrezione ipotalamica (GHRH) cali, con conseguente diminuzione della sintesi di gh e rilascio, da parte dell’ipofisi anteriore, essa viene definita in termini medici somatopausa.

Così, anche i livelli del suo mediatore principale, cioè l’igf-1 calano! Uno studio autorevole del 2000, ha evidenziato come la supplementazione di IGF-1 ha aumentato 28 giorni la densità microvascolare, e probabilmente per ciò, è stato riscontrato (SUGLI ANIMALI) come la sua assunzione esogena in animali vecchi, diminuisca il declino della memoria spaziale, ma anche di quella di riferimento. Un altro studio del 2014 evidenzia come l’igf-2 (badate bene, non igf 1) sia in grado di avere un interessante effetto di enchancer sulle memorie dell’ippocampo, quindi soprattutto la memoria a lungo termine.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2682398/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25227250

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1468173/

Nel 2013 è stata avanzata l’ipotesi ce ci sia una correlazione tra IGF 1 e depressione maggiore. Questo è appunto correlato al fatto che l’igf 1 svolge un ruolo interessante nella plasticità neuronale. Sappiamo però tutti, quanto la depressione possa essere Multi-fattoriale… Guardare solamente all’igf-1 sarebbe peccato.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24553010

igf 1

GH ed anabolismo

Si pensa spesso, che aumentare il GH in sé, aumenti difatti anche l’anabolismo, e possiamo dire in effetti che da un certo punto di vista tale affermazione risulta essere corretta.

Tuttavia, andrebbe specificato che l’azione sulla proteosintesi, non è esercitata dal GH stesso, ma bensì dall’azione dell’igf 1 in seguito alla stimolazione appunto dell’ormone somatotropo.

Difatti, nel mondo del doping, recentemente, vi è un forte accrescimento dell’utilizzo di tale peptide sotto forma esogena, con aumenti dell’ipertrofia muscolare estremamente marcata. Alla fine dell’articolo, troverete un piccolo extra in merito.

Le azioni distinte del GH e dell’IGF-1

Come abbiamo ben capito… molti degli effetti dell’ormone somatotropo, si esprimono proprio grazie alla somatomedina C. Il Gh però, ha una funzione di gluconeogenesi e di aumento della lipolisi, quindi  del catabolismo dei grassi, senza l’intervento necessario dell’IGF-1, mentre come già prima anticipato gli effetti anabolici sono prettamente dovuti alla poi successiva secrezione di igf.

Questo spiega il perché a digiuno, ci sia un aumento dell’ormone del GH (non andate a dire in giro che grazie a ciò perdete più chili) però con un decremento dei valori di IGF-1. Dovuti probabilmente appunto all’’aumento della gluconeogensi ed appunto anche con l’aumento dell’immersione degli acidi grassi nel torrente ematico per il loro utilizzo a scopo prettamente energetico.

Questo fa anche capire un’altra cosa…

Cioè che:

  • IGF-1: migliora la sensibilità insulinica
  • GH: Iperglicemizza, quindi alla lunga la può peggiorare.

IGF-1 e  ossido nitrico

igf 1

Immagine presa da: https://en.wikipedia.org/wiki/Nitric_oxide

L’asse IGF-1/GH, è in grado di aumentare la produzione di ossido nitrico. Questo sostanzialmente cosa ci dice?

L’ossido nitrico è un gas solubile, sintetizzato dalle cellule endoteliali (tipo di epitelio pavimentoso caratterizzato da delle cellule appiattite) sintetizzato dall’amminoacido dell’arginina mediante l’enzima dell’ossido di azoto.

Esso non è importante ma bensì di più! Perché? Scopriamo subito le funzioni dell’ossido nitrico sul nostro corpo:

  • Modula la dilatazione del tono muscolare
  • Svolge un ruolo protettivo sul vaso sanguinio
  • Inibisce l’adesione ed aggregazione piastrinica
  • Svuole un ruolo importante nell’erezione (aumento dell’irrorazione dei tessuti lisci)
  • Svolge un ruolo importante nell’eiaculazione insieme alla serotonina

Uno studio del 2012, evidenzia come l’ipertensione, l’ipercolesterolemia il fumo ed il diabete Melito riducano l’ossido nitrico.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22112350

IGF 1 e tumori

È abbastanza frequente… e si sente spesso all’interno dei forum, siti di nutrizione ,che l’igf 1 provochi un aumento dei tumori… e a promuovere tale idea, ci si mettono anche degli “studiosi” che mal interpretano la scienza.

Ciò nasce dal fatto che le cellule cancerose, siano delle cellule che si nutrono di tale ormone. Ma è stato visto, che malati di tumore, non hanno livelli più elevati o diversi rispetto ad una persona altrettanto sana… pertanto non può essere un marker per la valutazione d’insorgenza/fattori di rischio tumorali.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14639613

Molto interessante notare inoltre, come ci siano degli studi che evidenziano che bassi valori di IGF 1 (rispetto al dopo rimozione deltumore)  siano stati trovati in soggetti con tumore alla prostata.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10963500

Come possiamo trovare degli studi invece… che evidenziano che valori troppo alti, portino ad una maggiore probabilità di sviluppare tumori… Insomma… Da ciò possiamo capire che la verità sta nel mezzo, e che la comunità scientifica in realtà non ha mai decretato qualcosa di finale relativo a ciò. Ci sono anche studi, che correlano alti livelli di IGF-1 con i tumori al seno… ma anche altri che ci dicono che l’igf-1 è fondamentale sulla crescita, mantenimento del seno.

Come al solito… i tumori, come tantissime altre malattie, sono multifattoriali! Non possiamo dare la colpa ad un solo fattore!

Nella dieta di Longo ad esempio… si analizza come l’igf-1 sia correlato a minori rischi di cancro… Ma si tralascia che la sua dieta sia ipocalorica… Una dieta ipocalorica ben strutturata ha numerosissimi vantaggi che apporterà! Quindi, miglioramenti su più fattori, quindi multifattorialità, che la dieta ipocalorica riduca il rischio di cancro, non è di certo la scoperta dell’acqua calda. Anche l’OMS, suggerisce in via preventiva ma anche conservativa, diete ipocaloriche.

Capelli ed IGF 1

In italia non ho mai sentito parlare nessuno di IGF-1 e capelli, ma è una realtà di fatto. L’igf-1, secondo ultime ricerche scientifiche, sembra svolgere ruoli interessanti sul capello.

Infatti questo fattore insulino simile, promuove la crescita del follicolo pilifero.

Chi difatti faceva uso di igf 1 in questo studio, ha avuto una maggiore crescita del capello.

igf-1

immagine presa da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3283847/

Certo che però pensare di aumentare l’igf-1 in speranza di vedere una crescita dei capelli, non è particolarmente intelligente. In quanto, aumenti provocati da cibo ed allenamento, vi posso assicurare che non saranno minimamente paragonabili ad una supplementazione esogena.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3283847/

IGF 1 ed acne

L’igf-1 sembra svolgere un ruolo estremamente determinante sugli inestetismi della pelle. Ciò è dovuto al fatto che l’acne è caratterizzata da un evento che è l’auto-proliferazione del follicolo sebaceo (Quindi, pelo e ghiandola sebacea).

Ed è risaputo, che l’igf-1 aumenta la crescita cellulare. Pertanto un aumento dell’igf-1 porterà ad un maggiore quantitativo di acne.

Questo spiega il perché gli adolescenti siano praticamente tappezzati dai brufoli. Utilizzare androgeni, può ad esempio aumentare tale ormone peptidico, un esempio lampante è proprio il testosterone.

Ipertrofia ed IGF 1

igf 1

Immagine presa da: https://www.t-nation.com/system/publishing/articles/10000971/original/Chinese-GH-and-Off-Season-Cycles.jpg?1409948376

Come abbiamo già prima anticipato, la somatomedina riveste un ruolo importantissimo nell’ipertrofia muscolare.

Essa è in grado di aumentare la sintesi di nuove proteine, la proliferazione delle cellule satelliti (fondamentali nella capacità di ricostruzione muscolare).

Mentre L’IGF-2 è in grado di stimolare la sola proliferazione delle cellule satelliti.

A livello muscolare (all’interno ed intorno alla cellula) possiamo trovare un altro fattore interessante che è l’MGF (Mechano Growth Factor) ed è una forma di IGF 1 muscolare ed è il principale responsabile della riparazione muscolare. Si sta inoltre verificando, se il suo meccanismo d’azione non sia solo a livello muscolare, ma anche di altri tessuti.

Una suo aumento, aumenta inoltre i tassi di guarigione in seguito a problemi ossei.

Ah. L’igf non è stimolato solo dal GH, ma anche da uno stimolo meccanico (esercizio fisico) pertanto, l’esercizio, aumenta la secrezione di igf indipendentemente dal gh.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3795771/

IGF-1 ed insulina

igf 1

 

Questo ormone peptidico, come già anticipato in precedenza, svolge un ruolo importantissimo sulla sensibilità insulinica.

È stato notato difatti, che esso sia in grado di migliorare la sensibilità all’insulina, con conseguente diminuzione del glucosio circolante, a livello muscolare, ma anche dell’adipocita. È invece stato visto, che esso non migliora la sensibilità all’insulina nel nostro amato fegato. La loro correlazione, non solo è dovuta alla loro forma, ma anche ad un fattore recettoriale (Recettori insulinici e recettori igf hanno affinità con entrambi.)

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC300772/

Diversi sono gli studi sui diabetici ed igf-1… E tutti hanno potuto notare come questo fattore insulino simile abbia portato miglioramenti consistenti in persone appunto afflitte da questa terribile patologia.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3374394/

Extra: Come aumentare l’igf 1

Beh partiamo dal fatto, che i nutrienti che aumentano l’igf-1, non vi potranno minimamente aiutare nell’accrescere la massa magra, o altri benefici correlati all’igf-1. In quanto sono piccole variazioni in acuto.

  • Carboidrati: Sono correlati a bassi livelli di IGF 1, probabilmente perché i carboidrati appunto, hanno un effetto inibente sul GH, è stato visto però che cibi come il latte che contengono carboidrati,proteine, grassi aumenti l’igf.
  • Proteine: Aumentano L’igf grazie all’aumento di GH, soprattutto dovuto ad arginina, e sembra anche acido aspartico.

MK-667

Beh… questo è l’extra! Molto piccolo ahimè.

Esiste una sostanza orale in grado di agire sulla secrezione di grelina, che a sua volta ha una funzione stimolante sul GH… Che a sua volta ovviamente, è in grado di aumentare indovinate un po’, l’IGF-1… Ve lo dico solo per puro scopo informativo, e non ne voglio parlare in questo articolo… perché credo che meriti un articolo a sé, che uscirà a breve!

Se siete interessati a questa genere di argomenti, beh, allora vi consiglio di dare un’occhiata al mio articolo sull’lgd-4033

 

 

 

Ti piacerebbe vedere altri contenuti gratuiti? allora vai al mio instagramVoglio saperne di più

Attualmente ci sono 5 miti alimentari che stanno frenando la tua crescita muscolare

Quali sono? Lascia che te lo illustri con un infografica, ti basta semplicemente mettere la tua e-mail, niente spam!

L'infografica sta arrivando